Anno che va… anno che viene…

03ed03c3a494ced21228cc2.gifE così, cari amici che leggete, dopo le abbuffate natalizie nel pieno rispetto della tradizione ci aspetta la tavolata di fine anno…
Ho sempre preferito trascorrere tali occasioni in famiglia o tra amici, sempre nel pieno rispetto della tradizione culinaria napoletana.

In effetti cose già viste, già cucinate… vero è che si aspetta un anno intero per gustare ancora certe pietanze, che quindi sono sempre le benvenute a tavola. Mia cognata Elisa addirittura afferma che certe cose vanno mangiate per devozione, a conferma del fatto che  si mangiano più per compiere una sorta di rituale che altro…
In ogni caso credo che la cornice più bella di queste rimpatriate sono… le persone, i nostri cari, gli amici, coloro che sono seduti intorno al nostro tavolo… o no ?

In genere il cenone dell’ultimo dell’anno si rivela essere quasi un doppione di quello della vigilia di Natale. Stasera siamo a cena (anzi a… cenone) dai nostri amici Maria e Vittorio ed ho dovuto faticare non poco per convincerli a portare soltanto l’insalata di polpo (o’ purpo ‘a nzalata) e l’ottima pizza imbottita di salsicce e friarielli, cavallo di battaglia di mia moglie Silvia.

ace1a9573ac443783f2f15f.jpgCi affidiamo quindi alla bravura del buon Vittorio, peraltro già nota e, armi in pugno,  ci apprestiamo ad occupare il nostro  posto  di… combattimento !

Apriamo le danze (o le panze per meglio dire…) con le classiche tartine con burro e salmone affumicato.

Qualche oliva… giusto per riscaldare i muscoli… pardòn… le mandibole !

Il tutto innaffiato da un ottimo Pinot.

ed07cf20601ff96ad3cb626.jpgIntanto che si lessano le linguine che verrano maritate con vongole e fasolare gustiamo qualche fettina della pizza imbottita con salsicce e friarielli (vedi scheda).

 

3716b79a8b1af67c85459ed.jpg

 

 

 

 

 

Un vinello bianco davvero gradevole di produzione artigianale, che Vittorio ci assicura provenire dalle falde del Vesuvio, viene messo in brocca e aspetta solo di essere assaggiato…

 

 

 

 

 

411d906329697b093c0c756.jpgPer meglio aprire le panze e sempre per devozione alla tradizione, una piccola porzione di polpo all’insalata non guasta, anzi…

 

 

 

78b10b2d09faa956067851f.jpgPer chi volesse approfondire la questione ecco la scheda relativa…

 

 

 

 

 

fe11f86c6437778811d3d5d.jpg

 

 

 

La preparazione delle linguine con vongole e fasolare ricalca un pò la ricetta che già ho presentato su queste pagine degli scialatielli con cozze e vongole a cui vi rimando.

Una occhiata alle fasolare nella pentola e già mi viene l’acquolina in bocca…

E’ ora di scolare (al dente) le linguine e di entrare nel pieno del cenone…
Una vera prelibetezza… ma non poteva essere diversamente !

fa06f15704091aac9320430.jpg


Intanto non riesco a celare la mia curiosità nel tentativo di scoprire cosa Vittorio ha infornato… ed una ispezione in anteprima è d’obbligo…

E con piacere noto che di li’ a poco arriveranno a tavola  degli invitanti gamberoni… Mmm…

 

 

CONTINUA————–>


 

Anno che va… anno che viene…ultima modifica: 2011-01-01T13:34:00+01:00da incredinews
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento