Insalata di farro

e403f769201363da80d8ceaabf38d0da.jpgDifficolta’:

stellina_gialla.jpg



Pietro, napoletano verace che da anni vive a Catania mi ha inviato questa gustosa ricetta contadina

Mi sembra che possa meritare anche la vostra attenzione…

48px-Gnome-face-smile.svg.png


Facile la preparazione e graditissima soprattutto nel periodo estivo…

 

Cosa serve:

Per 4 persone

200 gr  di pomodorini ciliegino
2 gambi di sedano
1 busta di olive snocciolate  (non necessariamente si devono mettere tutte)
1 scatoletta di Mais
1 scatoletta di fagioli borlotti precotti
1 mazzetto di rucola
200 gr di farro perlato
2/3 limoni
Olio  extravergine
Sale  q.b.


Come si prepara:

In una scodella abbastanza capiente ponete i pomodorini tagliati a pezzettini, i 2 gambi di sedano e aggiungete le olive snocciolate e tagliate a pezzetti.
Spremeteci sopra un limone, aggiungete un po’ di olio.
Mescolate e fate macerare per qualche minuto.

Nel frattempo mettete in una pentola con acqua fredda il farro e portate a cottura (di tanto in tanto assaggiate per regolarvi col grado di cottura).
A cottura ultimata  colatelo e raffreddatelo sotto un getto di acqua fredda.

Nella scodella aggiungete il mais, i fagioli (ovviamente privati del liquido contenuto nella scatola), il farro appena cotto e mescolate aggiungendo ancora olio extravergine d’oliva e succo di limone.

Soltanto qualche istante prima di servire aggiungerete la rucola.

Quando lo servite se volete potrete guarnire con qualche foglia di insalata e  una spolverata di pepe nero rendera’ il piatto una delizia…

48px-Gnome-face-smile.svg.png


 

Conosci cio’ che mangi:


155.jpgIl farro è un cereale molto antico. Sembra che il luogo di origine di questo cereale sia stata la Palestina, da qui si è poi diffuso in Egitto (è stato trovato nelle tombe egizie) e in Siria (è citato già nelle opere di Omero).
Il farro ha avuto un successo notevole grazie al fatto che cresce bene in terreni poveri ed è molto resistente al freddo.
Con l’avvento di altri cereali, nel medioevo, venne progressivamente abbandonato poiché la resa per ettaro non è molto elevata e la raccolta è difficoltosa poiché i chicchi tendono a cadere sul terreno man mano che maturano.
Questo cereale si trova in commercio in due forme: il farro decorticato (o semplicemente farro) e il farro perlato.

Con la farina di farro si produce un ottimo pane, migliore di quello di frumento integrale poiché a parità di fibre non ha il tipico sapore di crusca, ma si avvicina molto al sapore del pane bianco, anzi è addirittura più aromatico e per certi versi migliore.

Il farro è il cereale meno calorico in assoluto (335 calorie per 100 g); contiene ben il 15% di proteine, è quindi adatto per essere combinato con i legumi per ottenere piatti unici non troppo calorici.

 

Il proverbio del giorno:

Parlanno do diavulo, spuntajeno ‘e ccorna
Parlando del diavolo, spuntarono le corna

Ossia:

Se si sta parlando male di qualcuno, capita spesso che te lo ritrovi dietro

Insalata di farroultima modifica: 2010-07-29T16:59:00+02:00da incredinews
Reposta per primo quest’articolo