Spigole (branzini) al forno con funghi porcini

immagine2by.jpgDifficolta’:

644e7a0001c9dece0675b7d.gif644e7a0001c9dece0675b7d.gif

Cosa serve:

Per 4 persone

4 spigole (branzini) del peso di circa 300 g ciascuno
500 g di porcini
rosmarino
uno spicchio di aglio
40 g di gherigli di noci
un dl di vino bianco secco
8 cucchiai di olio extravergine d’oliva –
sale, pepe


Come si prepara:

Meglio se il vostro pescivendolo ha gia’ pulito e squamato le spigole.

Passate al mixer gli aghi di 2 rametti di rosmarino con l’aglio, le noci, poco sale e pepe e 6 cucchiai di olio.

Ponete il pesto in una ciotola e tenetelo da parte.

Lavate e asciugate i pesci e insaporiteli internamente con sale, pepe e rosmarino, quindi sistemateli in una teglia unta con il restante olio.

Pulite i funghi, tagliateli a tocchetti e sistemateli nella teglia dei pesci con 2-3 rametti di rosmarino; salateli, pepateli.
Irrorate il tutto con il vino bianco, coprite il recipiente con un foglio di alluminio e passate in forno a 200° per 20 minuti.

Eliminate l’alluminio e cuocete per altri 10 minuti. Servite i branzini sfilettati accompagnandoli con i funghi e il pesto di noci.

 Accompagnate il piatto con bel vinello bianco secco e leccatevi baffi e dita…48px-Gnome-face-smile.svg.png

 

 

dada4b79a21725276c7d283.gif

 

 

 

 

 

Spigole al forno alla Don Mimi’

La cottura consigliata per la spigola è alla brace ma anche al forno e’ ottima…
potete tuttavia gustarvela ugualmente anche se non avete a disposizione la griglia.
Cucinandola ad esempio al cartoccio o, appunto, al forno come vi suggerisco con questa mia ricetta.

Spigole all’acqua pazza

Buone le spigole semplicemente cucinate con un po’ di pomodoro… all’acqua pazza !

Alici imbottite

In questa ricetta tipica della Costiera Amalfitana, vedremo come ben si sposa la provola affumicata con le alici creando un delizioso connubio terra-mare !

 

Conosci cio’ che mangi:

spigole.jpgSpigola è la denominazione ufficiale, ma sui banchi del pesce la potete trovare anche come “branzino“, oppure come “ragno“, soprattutto in Toscana, o anche col nome di “lupu” come la chiamano in Sicilia.

E’ un pesce che vive nel Mediterraneo e nell’Atlantico Orientale a limitata profondità. Ha dorso bianco e fianchi grigi, il ventre è argenteo; è facilmente distinguibile grazie alle sue pinne dorsali e può raggiungere la lunghezza di un metro. Ha carne bianca magra, soda e profumata che resiste molto bene alla cottura, per questo motivo risulta essere uno dei pesci più apprezzati.

Il branzino o spigola di allevamento non è particolarmente magro, infatti contiene il 7% di grassi, i quali però sono salutari perchè ricchi di omega 3, che protegge cuore e arterie.

Se intendete conservare il pesce in frigo è importante eviscerarlo, perchè le viscere sono la parte che si deteriora prima. Una volta pulito, copritelo con della pellicola; se il pesce è molto fresco può essere conservato in frigorifero fino a 48 ore.

 

Il proverbio del giorno:

VA’ ADD’ ‘O PATUTO E NUN GHJI’ ADD’ ‘O SAPUTO

Va dal sofferente e non dal dotto

Ossia:

Spesso, l’esperienza pratica vale molto più della teoria

 

 

mail.png
Vuoi essere avvisata ogni volta che viene pubblicata una nuova ricetta ? Manda una email a donmimi@email.it con oggetto: “avvisami di nuova ricetta”

In qualsiasi momento potrai sospendere il servizio.

 

banner-promo.gif

NAPULE-E-NA-VOTA.jpg

Spigole (branzini) al forno con funghi porciniultima modifica: 2011-05-21T10:53:44+00:00da incredinews
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento