Tortano napoletano di Pasqua

tortano.jpgDifficolta’:

644e7a0001c9dece0675b7d.gif644e7a0001c9dece0675b7d.gif

644e7a0001c9dece0675b7d.gif


 

Il tortano e’ una caratteristica e squisita torta rustica   certamente non amica delle diete ma una volta all’anno  (di solito a Pasqua) una eccezione si puo’ fare ! Ne vale senz’altro la pena…

 

 

 

 

Cosa serve:

Per 6 persone

Per la pasta:
1 kg di farina
2 cubetti di lievito di birra
200 gr. di sugna
sale
pepe abbondante

 

Per il ripieno:
200 gr. di pecorino romano
200 gr. di formaggi misti (provolone semipiccante, caciocavallo, emmenthal, fontina)
250 gr. di cicoli (vedi scheda)
200 gr. di salame tipo Napoli
4 uova sode (o crude se si vuole fare il casatiello – vedi nota in basso)
sale e pepe

Come si prepara:

Disponete la farina a fontana con al centro il lievito disciolto in un po’ di acqua tiepida e impastate per far assorbire man mano l’acqua alla farina.

Aggiungete il sale, 1 manciata di pepe e la sugna e continuate a lavorare l’impasto per circa 10 minuti.
Lasciate crescere la pasta per un paio d’ore, coperta e in un luogo asciutto: dovrà raddoppiare di volume.

Tagliate i formaggi e i salumi a dadini. Altrettanto fate con le uova sode (che invece, nella variante pasquale del casatiello, rimangono crude per essere cotte intere alla fine).

Quando la pasta sarà cresciuta stendetela con le mani allo spessore di circa 1 cm. Distribuitevi sopra uniformemente il ripieno e richiudetela il più strettamente possibile, ottenendo una ciambella; disponetela in uno stampo largo con buco centrale, precedentemente unto con sugna, unite le estremità, coprite con un panno e lasciate lievitare ancora per almeno 2 ore.

Quindi infornate a 160° (dopo averne unta la superficie con una spennellata di sugna, e lasciate cuocere per circa 1 ora.

Una volta spento il forno lasciate intiepidire il tortano prima di estrarlo.

 

http://atavolacondonmimi.myblog.it/images/bonappeti.gif

dada4b79a21725276c7d283.gif

 

 

 

 

 


Peperoni  imbottiti alla napoletana…

Un classico della cucina partenopea… ‘e puparuole ‘e mamma’… Il mio vicono di casa oggi li preparava a pranzo e mi ha fatto venire il volìo… [sarebbe in napoletano: una intensa voglia]

 

Parmigiana napoletana di melanzane

Preparare la parmigiana di melanzane per noi napoletani e’ un vero e proprio rituale…
Quindi converra’ prepararla solo se avete a disposizione amore e pazienza !I risultati pero’ appagheranno in maniera sublime anche i palati piu’ esigenti…


Polpette di melanzane

Le polpette di melanzane, piatto tipicamente calabrese,  in Campania e’ stato rielaborato nella versione senza sugo di pomodoro ed e’ divenuto subito un vero e proprio must per tutte le buone forchette

Conosci cio’ che mangi:

18ricettabgcasatiellona.jpgVariante pasquale del tortano e’ il casatiello: la differenza fra i due consiste nel fatto che mentre nel tortano le uova sode vengono tagliate a fette ed inserite all’interno dell’impasto, nel casatiello le uova  crude complete di guscio vengono incastonate ed affondate nel bordo dell’impasto e fermate con delle strisciole di pasta a forma di croce.
Si cuoceranno poi durante la cottura in forno.

L’impasto, il ripieno, la preparazione e la cottura in entrambi i casi rimangono identici.

 

 

Il proverbio del giorno

Fa’ l’amico e ‘mprena’ ‘a vajassa
Si comporta da amico, ma ingravida la serva

Ossia

Lo si dice di colui che la madrelingua definisce «doppiogiochista», come di chi frequenta la casa  in maniera amichevole, ma con l’intento riposto di dare la scalata alla domestica.

 

mail.png
Vuoi essere avvisata ogni volta che viene pubblicata una nuova ricetta ? Manda una email a donmimi@email.it con oggetto: “avvisami di nuova ricetta”

In qualsiasi momento potrai sospendere il servizio.

 

banner-promo.gif

NAPULE-E-NA-VOTA.jpg

Tortano napoletano di Pasquaultima modifica: 2011-04-07T11:41:00+00:00da incredinews
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Tortano napoletano di Pasqua

  1. Carissimo amico, sono esattamente nella tua situazione (consulente informatico, moglie insegnante, appassionato di cucina prevalentemente tradizionale campana, solo il pero e’ leggermente superiore : + o – 90 Kg).
    Mi piacerebbe collaborare con te in quanto negli ultimi anni fra ricette tradizionali, locali, di famiglia e reperite sul web ne ho fatto una raccolta di circa 500.
    Una cosa su cui sono “fissato” e’ la pulizia in cucina : se non ho tutto ben ordinato e pulito, non riesco ad esprimermi al meglio, quindi opero io stesso il riordino continuo non fidandomi degli “sguatteri”.
    Anche a me non piace cucinare con e’ stintine in mano… (meglio un bel panino con la … mortadella o meglio con una buona soppressata piccante calabrese).
    Spero mi risponderai presto… collega (ho 37 anni di esperienza in informatica gestionale; ho vissuto la storia del nostro lavoro partendo dalle tabulatrici, dalle schede perforate, dagli 8080, dagli M24 Olivetti….ecc…)

Lascia un commento